Ubuntu Software Store diventa Software Center


Fin da quando l’Ubuntu Software Store ha fatto la sua comparsa in una delle alpha di Ubuntu Karmic, le polemiche non sono mancate. In effetti la scelta del nome non era affatto felice: il concetto di “store” implica l’acquisto del software ed introduce un modello che fa un po’ a pugni con l’idea del “free as in speech”. Certo, le applicazioni Open Source “costano” 0€, ma che ne è del sorgente aperto? Della community?

Se ne è discusso e si è votato su Ubuntu Brainstorm ed alla fine si è optato per cambiare il nome in Software Center, ma l’applicazione rimane sostanzialmente la stessa: un’interfaccia che presuppone l’acquisto di software. Il modello di sviluppo open rimane nascosto dal “prezzo”, che è solo uno degli aspetti del software libero, per fare spazio ad applicazioni commerciali in vendita sullo store.

Cosa succederebbe qualora un truffatore decidesse di mettere in vendita un programma GPL (cosa che la licenza non vieta)?
L’utente sceglierebbe la versione da 0€ o quella “Pro” da 0.99€ ?

Scommettiamo che ci sarebbero molti utenti attratti dalla versione a pagamento, perché “se si paga, sarà meglio”?
E, magari, dopo averlo comprato, “voterebbero” il software, dandogli un voto più alto (del resto l’hanno pagato) rispetto a quello dato dagli utenti della versione gratuita. Innescando un meccanismo vizioso per cui si premia il software a pagamento, proprio perché è a pagamento!

Canonical vuole introdurre uno “store”? Perché non trasformarlo in un’occasione di finanziamento diretto dei progetti Open Source? Per esempio potrebbe offrire la possibilità di pagare (magari in vari tagli: 1€, 5€, 10€, etc) i software GPL e trasformare i pagamenti in donazioni ai rispettivi progetti. Il tutto coadiuvato da un comodo link “Cos’è questo?” ad una pagina di spiegazione del perché è possibile pagare “in vari tagli”, del fatto che sono donazioni per progetti open che vengono sviluppati dalla comunità…

Voi che ne pensate?

Obbligati alla libertà (secondo Stallman)


La FSF ha un grande merito, innegabile, quello di aver portato l’attenzione di milioni di sviluppatori alla licenza di distribuzione del software. Fino alla prima GPL, non c’era una licenza di riferimento, tutti i programmatori scrivevano la loro, con un moltiplicarsi di clausole e con l’effetto collaterale che era pressoché impossibile utilizzare materiale di altri per ovvi motivi di incompatibilità…

Richard M. Stallman: intervista su GNU, GPL, brevetti…


Dopo la dura presa di posizione sulla presunta inutilità attuale della GPL di Eric Raymond, il padre della GPL, Richard Stallman, ci presenta le novità della futura versione 3, che si preannuncia molto interessante…

Eric Raymond: non abbiamo più bisogno della GPL!


La dichiarazione è una di quelle che fa discutere: la GPL andava bene quando il software opensource era debole. Secondo Raymond oggi non è così, e la GPL allontana molti sviluppatori…

ClamAV: la soluzione GPL contro la minaccia dei virus


Linux può’ essere un potente alleato per difendere le macchine Windows da virus e worm che si diffondono via E-Mail

Microsoft, CIFS, Samba e GPL. Che deve scomparire.


I contenuti di questo articolo non sono ancora disponibili. Vuoi aggiungerli? Scrivi a redazione@oltrelinux.com

GPL, diritti e doveri


Un po’ di chiarezza intorno alla licenza più famosa in ambito Linux.

GPL, ma cosa ti hanno fatto!?


I contenuti di questo articolo non sono ancora disponibili. Vuoi aggiungerli? Scrivi a redazione@oltrelinux.com

Post precedenti »