Privacy e tracce digitali


Siamo nella cosiddetta “Era dell’Informazione”: tutto ciò che facciamo lascia una scia che, a determinati livelli, è possibile seguire e, aggregando le informazioni, è possibile creare il nostro profilo.

I nostri pagamenti con Bancomat e carte di credito possono essere facilmente seguiti, ma c’è di più: è possibile incrociare tali dati con quelli provenienti dal sistema della telefonia mobile e conoscere tutti i nostri spostamenti.

Aggiungiamoci le tracce dovute alla nostra vita online (e stiamo parlando solo di informazioni pubblicamente disponibili: pagine su Facebook, LinkedIn, MySpace, blog, gallerie su Flickr, etc) ed il quadro si fa decisamente preoccupante.

[Leggi tutto →]