La grossa palla di fango


Big ball of mud” (BBOM), che il titolo di questo post italianizza, è un articolo molto interessante del 1999 ad opera di Brian Foote e Joseph Yoder, reperibile a questo indirizzo.

L’articolo descrive le caratteristiche dei sistemi informatici o applicazioni che non abbiano alcuna architettura distinguibile. Mentre dalla Scienza dell’Informazione le nuove leve attingono i design pattern, ovvero i modi di progettare il software secondo regola d’arte per varie classi di problemi in modo da massimizzare la probabilità di successo di un progetto, nel BBOM sono visibili numerosi anti-pattern. Questi sono modi di fare le cose che portano a un quasi sicuro fallimento, o altrimenti a un aumento spaventoso dei costi.

[Leggi tutto →]

Captain Crunch


Nel mio primo post sul nuovo sito di Linux&C. voglio parlarvi di una figura leggendaria nel mondo underground: John Draper, noto anche come Captain Crunch.

Crunch, chi era costui? Un eroe, un farabutto, un mattacchione, un hacker. Una figura romantica o un approfittatore. Forse tutte queste figure e ancora nessuna di queste. Sicuramente incarna cio` che Hollywood ha descritto in tanti film: la persona curiosa che sfida il sistema per fare la telefonata gratis in giro per il mondo, divertendosi con e per la tecnologia.

[Leggi tutto →]

Wargames


Pare che nei giorni scorsi un “malware” abbia attaccato i sistemi di alcune basi militari americane in Afghanistan.

In un articolo si parla di fonte Russa, in un altro di fonte Cinese. Solita paranoia verso i “rossi”?

Al di là delle sterili polemiche stile “con Linux non sarebbe successo” (nessun sistema è perfettamente sicuro), la cosa veramente allucinante è che si prendano solo ora delle misure per impedire l’uso di drive e pennette USB nelle basi militari e al Pentagono: è una policy basilare per qualsiasi sito con informazioni sensibili, possibile che i capoccioni del Pentagono non lo sapessero?

[Leggi tutto →]

µTorrent e la distruzione di Internet


Nei giorni scorsi si è molto parlato della “distruzione di Internet” da parte di µTorrent, uno dei client BitTorrent più utilizzati.

Al di là dei sensazionalismi, partiamo dall’inizio: sul forum di µTorrent, si è iniziato a parlare di implementare il protocollo BitTorrent utilizzando UDP invece di TCP, al fine di ridurre la quantità di traffico generato dai milioni di utenti torrent nel mondo e, sospetto, per evitare il traffic shaping imposto da alcuni ISP…

[Leggi tutto →]

Mille e non più mille


Eccoci qua: 1000 post.

Non male per un blog nato da così poco :)

La maggior parte dei post sono stati inseriti in modo automatizzato con uno script che, partendo dai dati contenuti nel database della precedente incarnazione del sito, ne ha inserito uno per ogni articolo dei 66 numeri di Linux&C. finora pubblicati.

Una massa imponente di dati, spesso incompleta, ma che speriamo di poter perfezionare con l’andare del tempo.

Ma questa è un’altra storia. Ne parleremo un’altra volta.

Oggi vogliamo ringraziare per questo gigantesco lavoro, questi fiumi di parole, tutti gli articolisti che hanno collaborato con noi in tutti questi anni, tutti i nostri lettori, che hanno sopportato i ritardi delle uscite ed hanno premiato la qualità dei contenuti e, soprattutto, Patrizio e l’Editore Piscopo che ci hanno creduto per tutti questi anni. Grazie!

Privacy e tracce digitali


Siamo nella cosiddetta “Era dell’Informazione”: tutto ciò che facciamo lascia una scia che, a determinati livelli, è possibile seguire e, aggregando le informazioni, è possibile creare il nostro profilo.

I nostri pagamenti con Bancomat e carte di credito possono essere facilmente seguiti, ma c’è di più: è possibile incrociare tali dati con quelli provenienti dal sistema della telefonia mobile e conoscere tutti i nostri spostamenti.

Aggiungiamoci le tracce dovute alla nostra vita online (e stiamo parlando solo di informazioni pubblicamente disponibili: pagine su Facebook, LinkedIn, MySpace, blog, gallerie su Flickr, etc) ed il quadro si fa decisamente preoccupante.

[Leggi tutto →]

Le idiosincrasie di WordPress


Come avrete sicuramente notato, il nuovo sito è basato su WordPress, una piattaforma di Content Management piuttosto diffusa.

Oggi, spulciando la documentazione per aggiungere una funzionalità al template, ci siamo imbattuti nella funzione previous_posts_link che, come potete facilmente immaginare, permette di inserire il link ai post successivi, come da documentazione.

Ovviamente esiste anche la funzione opposta.

… da perderci la testa :)

Le 5 innovazioni IBM che (forse) ci cambieranno la vita


Nel “5 in 5″ (5 innovazioni che potrebbero cambiarci la vita nei prossimi 5 anni) di quest’anno, IBM parla delle nuove tecnologie per il solare, che permettono di applicare materiale fotovoltaico come se fosse uno strato di pittura su qualsiasi superficie: una cosa che cambierebbe parecchio le carte in tavola per il mobile.

Altra voce interessante per i geek è quella che parla delle innovazioni relative all’interazione con il web e, in definitiva, coi servizi attualmente più in voga: IBM prevede che l’interfaccia vocale diverrà sempre più importante. C’è da dire che per quanto riguarda la sintesi vocale Linux si piazza piuttosto bene, mentre è piuttosto sguarnito sul fronte opposto…

Ultima, ma non per importanza, la previsione della presenza di “smart appliances” che ci accompagneranno nella vita quotidiana, registrando fatti, eventi e persone. Le implicazioni per la privacy sono sicuramente molto profonde e meriterebbero un discorso a parte, ma sembra che la moda attuale ne tenga ben poco conto, a favore di una connettività sempre più totale: riusciremo, in futuro, a staccare la spina, se lo vorremo?

L’articolo completo è sul sito IBM.

Post precedenti »